sabato , 19 agosto 2017
Interrogazione del 7/7/2017 – Criticità Casone

Interrogazione del 7/7/2017 – Criticità Casone

Comune di Foligno
gruppo consiliare Movimento 5 Stelle

Al Sig. Sindaco del Comune di Foligno
Interrogazione a risposta scritta e orale

Oggetto:

Gestione impianto di compostaggio di Casone. Incidenti, incendi, lavorazioni difformi, sanzioni amministrative e/o penali irrogate.

Premesso che:
Di recente l’Agenzia A.R.P.A. nel mese di Marzo-Aprile 2017, è entrata nell’impianto di compostaggio di Casone e sembra abbia elevato un Processo Verbale di Accertamento e contestazione a carico del gestore dell’impianto per una serie di illeciti, relativamente a lavorazioni difformi da quanto previsto dalla legge, dalle procedure e dalle normative, elevando anche sanzioni amministrative collegate all’evento;
Nel mese di Maggio 2017 un altro “incidente” è occorso alle lavorazioni del medesimo impianto con l’urgente intervento delle Unità dei Vigili del Fuoco per spegnere un incendio a carico delle masse vegetali ed accumuli di rifiuti, posti all’esterno dei capannoni di lavorazione e comunque all’interno dell’area dell’impianto di compostaggio. Per domare detto l’incendio sembra siano state necessarie molte ore di lavoro da parte dei Vigili del Fuoco del distaccamento di Foligno (circa 8 ore);
La V.U.S. Spa è l’attuale gestore dell’impianto ed è autonoma nelle scelte e nella direzione dell’impianto di Compostaggio di Casone che raccoglie conferisce e lavora in detto anche i rifiuti derivanti dalla raccolta differenziata;
Il ripetersi dei “cosiddetti incidenti” che vengono oggi conosciuti solo per vie traverse e fortuite è davvero preoccupante, che per la gestione del processo di compostaggio e riciclaggio si presume venga effettuata dai “professionisti del rifiuto”, ma che il ripetersi di tali incidenti, non depone invece nel senso sperato ed anzi, costituisce un vero e proprio “disservizio” che a quanto risulterebbe, perdura da anni, con costi e aggravio di spese, intuibilmente, a carico del cittadino, alimentando un sistema che continua a non produrre quanto ci si aspetterebbe;

Premesso quanto sopra, si chiede:

1) Di sapere quanti sono stati, quando sono occorsi e il referto dell’anomalie riscontrate nella gestione per i cosiddetti incidenti, anomalie gestionali, disservizi, incendi nel corso degli ultimi 5 anni (incidenti, blocco impianto, modifiche impianto o lavorazioni a seguito di prescrizioni e rilevazione illeciti comunque occorsi), che hanno provocato il blocco dell’impianto, la sua revisione, eventuali miglioramenti richiesti, le modifiche vincolanti alle lavorazioni, imposte e prescritte da ARPA, Vigili del Fuoco e qualsiasi altra Autorità;

2) Di sapere se nell’incendio del maggio 2017 la popolazione è stata esposta a fallout inquinante di ricaduta, come nel caso dell’incendio dei rifiuti e se ci sono state evidenze di rilascio di particelle inquinanti nella zona circostante certificate da Arpa o altri organi d’intervento e/o sanitari;

3) Di sapere qual è l’importo delle sanzioni, siano esse di carattere amministrativo e/o penale, comminate dalle Autorità di vigilanza preposte a carico del gestore dell’impianto per gli ultimi 5 anni e di sapere qual’è il nominativo, ovvero chi è il funzionario Vus, responsabile dell’illecito accertato a carico del quale è stato contestato l’illecito -di qualunque natura-;

4) Di sapere da parte di chi siano state pagate le sanzioni elevate e di acquisire conseguentemente la documentazione contabile di avvenuto pagamento e/o in quale capitolo di spesa tali sanzioni siano state imputate nella gestione dell’impianto;

5) Di sapere se l’impianto di Casone è in regola con i certificati antincendio, se esiste un impianto antincendio efficiente ed esteso in tutte le parti dell’impianto stesso, ove avvengono lavorazioni soggette a potenziali incendi e se le squadre antincendio e/o di prima emergenza, interne all’impianto siano state formate e in grado di far fronte alla prima emergenza, se l’impianto antincendio è stato collaudato e revisionato di recente, e se i Vigili del Fuoco intervenuti nel recente evento, hanno prescritto, disposto, revocato, censurato, imposto norme e comportamenti diversi.

Foligno, 06/07/20162017
I consiglieri Comunali del Movimento 5 stelle
Fausto Savini
Valentina Ferrari

Articoli correlati:

About Rosangela Marotta

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Scroll To Top